Sempre attuale

Opportunità ed occupazione.

Occupazione per attuare progetti e progetti per creare occupazione sono i cardini sui quali ruota la libertà dei cittadini. La distinzione...

30 gennaio 2018

Il perverso circolo della banca unica


Da un'appunto redatto da Marco Veronese Passarella, intitolato "Augusto Graziani tra Keynes e Marx, ricavo questo grafico ove figura il circuito della moneta nelle economie anglosassoni. 


In esso appare evidente che la moneta e i prodotti derivati trattati dalle banche si intromettono nei mercati finanziari che sono al centro dei rapporti tra imprese (persone giuridiche) e salariati (persone fisiche). 

Non ci sono commenti da fare se non osservare il panorama economico e sociale che conduce allo stato entropico. Questo stato si potrà interrompere quando l'economia riprenderà ad avere carattere locale separando le gestioni in due tipi di banche:
1. Banche locali di credito,
2. Banche nazionali d'investimenti e gestioni.

In quest'altro grafico figura la traccia per la concezione d'impresa che opera nell'economia locale.

In esso figura che il rapporto tra imprenditore e lavoratore è diretto tra persone fisiche e che i rapporti con le banche avvengono in condizioni di parità in un sistema in cui lo Stato rappresenta un costo per le imprese.

In questo ultimo grafico, imprenditori e lavoratori si integrano in forme associative che rilevano dallo Stato l'azione di propagazione economica e sociale.
A livello locale, le Persone fisiche ritrovano la responsabilità prima delegata alle Persone giuridiche. 
Il modello si adatta a Stati regionali i cui residenti non superano 5 milioni di persone.

------------------
Suppongo che il Fattore di propagazione così come raffigurato nella traccia 2, possa rappresentare un'applicazione della teoria della Propagazione economica formulata dal famoso economista italiano Giovanni Demaria




Nessun commento:

Posta un commento