Sempre attuale

Opportunità ed occupazione.

Occupazione per attuare progetti e progetti per creare occupazione sono i cardini sui quali ruota la libertà dei cittadini. La distinzion...

13 novembre 2014

Il Patto si rinnova dal 70 a.C.

C'è chi è capace di non colare a picco ...
All’inizio dell’anno 70 a.C., Fufius Calenus coniò la moneta sottostante, sulla quale è menzionata l’Italia, con riferimento alla sconfitta e morte di Spartaco, avvenuta l’anno prima nella battaglia alle sorgenti del Sele. La vittoria di Crasso segnò, per Roma, la fine delle guerre servili. Concordia si riferisce alla pace dei romani con gli italioti residenti sul territorio delle antiche colonie greche in Campania, Calabria e Lucania. Potrebbe trattarsi della prima moneta, al mondo, per documentare la nascita della Nazione Italia ancora oggi alla ricerca di uno Stato degno di rappresentarla. Occorre ricordare che Spartaco, nelle sue scorrerie, raggiunse anche i territori dell’Italia settentrionale. Ovunque andasse raccolse schiavi che anelavano di liberarsi.
... e chi coltiva sentimenti  concordi per portare il Caduceo in porto.
E' solo un sogno sperare che, col Patto del Nazzareno, Silvio che impersona il ricco plebeo Fufius e Matteo il plebeo Cordius segneranno la fine del conflitto secolare tra imprenditori e lavoratori?
Quelli veri, non quelli finti che fanno a gara per fregarsi a vicenda.
Occorre costruire una società a costo marginale zero.
-------------
-->

22 febbraio 2014

Padoan all'economia: una speranza compiuta?

Sono impaziente di conoscere ciò che ci racconterà il neoministro Padoan al suo rientro dal G20 in Australia.

Quando un uso, una moda, un costume si trasforma in abitudine inveterata, ne risentiamo disagio, ma sopportiamo perché ci sembra impossibile modificare - insieme - il percorso consueto della nostra vita. Dal disagio nascono i miti, cioè degli accidenti che nessuno sa spiegare ne capirne l'origine: come e perché ci mettiamo la cravatta per andare in ufficio. Altrieri, come tutti, ancora ignaro su chi sarebbe stato scelto per coprire la carica di Ministro dell'Economia tra i sedici del Governo Renzi, aggiunsi un commento al post su Facebook di Vincenzo Fano, che rimanda ad un altro suo, scritto sul blog Viverestphilosophari, intitolato "Miti sulla crisi Economica". Dal testo individuo quattro miti ma l'elenco non ha fine se consideriamo che i tanti punti di forza della nostra Italia saranno vani sino a quando, le false credenze alle quali ci conformiamo per gestire gli affari, sul lavoro e durante gli intrattenimenti non saranno sostituite da convinzioni più ragionevoli.